ATTUALITA' e TERRITORIO

 


 Per Contattarci:

Contatto
Contatto

Questa settimana vi segnaliamo:

La Cartolina della settimana

Passioni e .......

Un blog di ...... e non solo.

 

Video,

Il videoblog del trittico.

Foto,

Il fotoblog del trittico. 

 

* NOTIZIE UTILI

fai clic qui
fai clic qui

PARTNER

Il Coro
Il Coro

SCHOLA CANTORUM BARISCIANO
Associazione Musicale

Corale Polifonica

 


contatore visite html

Santo Stefano di Sessanio

Santo Stefano di Sessanio è un comune di 112 abitanti. Il Comune è compreso all'interno del Parco nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga, costituendone di fatto una delle porte di accesso nella sua parte meridionale. Fa parte del Club dei Borghi più belli d'Italia

Il borgo è situato nell'entroterra abruzzese, nel parte meridionale del massiccio del Gran Sasso d'Italia, al di sotto della vasta piana di Campo Imperatore, in posizione panoramica verso la valle del Tirino da una parte e la bassa Conca aquilana dall'altra, ad una altitudine di poco superiore ai 1200 m s.l.m.

È raggiungibile percorrendo la statale 17 accedendo da Barisciano o, in alternativa, da San Pio delle Camere, oppure da Ofena-Capestrano. Da nord è inoltre possibile arrivare al paese attraversando Campo Imperatore e superando il valico di Capo di Serre oppure da Vado di Sole.

Le prime notizie di contrade comprese nel territorio comunale di Santo Stefano di Sessanio di proprietà del monastero di S. Vincenzo al Volturno le dobbiamo appunto al Chronicon Vulturnense e risalgono all'inizio del IX secolo. La prima notizia certa dell'esistenza dell'insediamento detto Santo Stefano è dell'anno 1239.

Dal XIII secolo Santo Stefano fu compreso nel distretto feudale denominato Baronia di Carapelle che includeva anche Carapelle Calvisio, Castelvecchio Calvisio, Calascio e Rocca Calascio[3].

Costanza, figlia unica di Innico Piccolomini, cedette la Baronia di Carapelle a Francesco I de' Medici, Granduca di Toscana, nel 1579. Queste terre apparterranno ai Medici fino al 1743. In questo periodo Santo Stefano raggiunge il massimo splendore come base operativa della Signoria di Firenze per il fiorente commercio della lana "carfagna", qui prodotta e poi lavorata in Toscana e venduta in tutta Europa.

Nel XIX secolo con l'Unità d'Italia e la privatizzazione delle terre del Tavoliere delle Puglie ha termine l'attività millenaria della transumanza e inizia un processo di decadenza del borgo che vede fortemente ridotta la popolazione a causa del fenomeno dell'emigrazione. Nel XXI secolo l'antico borgo sta avendo una rinascita, grazie al turismo, incentivato dalla tenacia della popolazione.

 

 

 

DA SANTO STEFANO DI SESSANIO

BUON NATALE E FELICE ANNO NUOVO

Immersi in un fiabesco ed incantevole borgo medioevale.

 

Continua con successo la bella rassegna dei "Presepi Diffusi" nel borgo di S. Stefano di Sessanio.

Una piacevole passeggiata tra i vicoli e palazzi di uno tra i borghi più belli d'Italia.

Tra pittoreschi panorami, l'incantevole laghetto e la imponente torre medioevale, ci si immerge in una ideale e genuina atmosfera natalizia.

Piazzette, botteghe, artigianato, tutto a dimensione umana, dove i profumi richiamano alle specialità del luogo e alla cortese e genuina ristorazione.