ATTUALITA' e TERRITORIO

 


 Per Contattarci:

Contatto
Contatto

Questa settimana vi segnaliamo:

La Cartolina della settimana

Passioni e .......

Un blog di ...... e non solo.

 

Video,

Il videoblog del trittico.

Foto,

Il fotoblog del trittico. 

 

* NOTIZIE UTILI

fai clic qui
fai clic qui

PARTNER

Il Coro
Il Coro

SCHOLA CANTORUM BARISCIANO
Associazione Musicale

Corale Polifonica

 


contatore visite html

NOTIZIE UTILI

IN COLLABORAZIONE CON SERVIZI MCL
IN COLLABORAZIONE CON SERVIZI MCL
  • Pensioni
  • Contributi
  • Invalidità
  • Disoccupazione

 

  • Assistenza fiscale
  • 730 - UNICO
  • IMU - ISE

 

  • Immigrazione
  • Permessi Soggiorno
  • Ric. Familiare
  • Colf - Badanti

L'Aquila, Via Francesco Crispi 35 - Tel. 0862760964 Cell. 3331137520

Nella emergenza del coronavirus l'ufficio funzionerà in modalità di lavoro agile e smart working, pertanto è consigliabile telefonare per appuntamento ai numeri:

PATRONATO  0862760964          PER IL CAF    3331137520

Direzione Centrale Tecnologia, Informatica e Innovazione

Direzione Centrale Organizzazione e Comunicazione

Roma, 26-03-2020

 

OGGETTO: Interventi di semplificazione per l’accesso ai servizi web e per l’attribuzione dei PIN

1. Premessa

 

Il decreto-legge 17 marzo 2020, n. 18 (cosiddetto “Cura Italia”) attribuisce all’INPS il compito di attuare le misure disposte dal Governo a sostegno di famiglie, lavoratori e imprese individuali.

Anche queste nuove prestazioni saranno accessibili esclusivamente in modalità telematica.

L’accesso ai servizi online dell’INPS può avvenire attraverso una delle seguenti tipologie di credenziali:

PIN dispositivo rilasciato dall’Inps (per alcune attività semplici di consultazione o gestione è sufficiente un PIN ordinario);

SPID di livello 2 o superiore;

Carta di Identità Elettronica 3.0 (CIE);

Carta Nazionale dei Servizi (CNS).

Chi è in possesso di una qualsiasi delle elencate credenziali, potrà utilizzarle anche per l’inoltro delle nuove domande di prestazione introdotte dal decreto in oggetto.

 

Inoltre, per garantire a tutti i cittadini il diritto di accesso alle prestazioni economiche e agli altri servizi individuali con modalità interamente telematiche, l’Istituto ha messo in atto un duplice intervento rivolto a:

semplificare la modalità di compilazione e invio on line per alcune delle domande di prestazione per l’emergenza Coronavirus (ex D.L. n. 18/2020);

apprestare una nuova procedura di rilascio diretto del PIN dispositivo tramite riconoscimento a distanza.

2. Modalità semplificata di compilazione e invio on line di alcune delle domande di prestazione per l’emergenza Coronavirus

 

L’accesso ai servizi sul portale istituzionale è consentito in modalità semplificata con esclusivo riferimento alle seguenti domande di prestazione per emergenza Coronavirus di cui al D.L. n. 18/2020:

indennità professionisti e lavoratori con rapporto di collaborazione coordinata e continuativa;

indennità lavoratori autonomi iscritti alle gestioni speciali dell’AGO;

indennità lavoratori stagionali del turismo e degli stabilimenti termali;

indennità lavoratori del settore agricolo;

indennità lavoratori dello spettacolo;

bonus per i servizi di baby-sitting.

 

La modalità semplificata consente ai cittadini di compilare e inviare le specifiche domande di servizio, previo inserimento della sola prima parte del PIN, ricevuto via SMS o e-mail, dopo averlo richiesto tramite portale o Contact Center.

 

La richiesta del PIN può essere effettuata attraverso i seguenti canali:

sito internet www.inps.it, utilizzando il servizio “Richiesta PIN”;

Contact Center, chiamando il numero verde 803 164 (gratuito da rete fissa), oppure 06 164164 (a pagamento da rete mobile).

Una volta ricevute (via SMS o e-mail) le prime otto cifre del PIN, il cittadino le può immediatamente utilizzare in fase di autenticazione per la compilazione e l’invio della domanda on line per le sole prestazioni sopra individuate.

 

Qualora il cittadino non riceva, entro 12 ore dalla richiesta, la prima parte del PIN, è invitato a chiamare il Contact Center per la validazione della richiesta.

Con riferimento alla sola prestazione “bonus per i servizi di baby-sitting”, nell’ipotesi che la domanda sia stata inoltrata con il PIN semplificato, il cittadino dovrà venire in possesso anche della seconda parte del PIN, al fine della necessaria registrazione sulla piattaforma Libretto di Famiglia e dell’appropriazione telematica del bonus (cfr. paragrafo n. 5, circolare n. 44 del 24 marzo 2020).

3. Nuova procedura di emissione del PIN dispositivo tramite riconoscimento a distanza

L’Istituto è prossimo al rilascio di una nuova procedura di emissione del PIN con il

riconoscimento a distanza, gestita dal Contact Center, che consentirà ai cittadini di ottenere, in un unico processo da remoto, un nuovo PIN con funzioni dispositive senza attendere gli ulteriori 8 caratteri del PIN che ordinariamente venivano spediti tramite il servizio postale.

Con successivo messaggio saranno forniti maggiori dettagli operativi e la data di avvio del servizio.

Per eventuali chiarimenti sulle modalità di richiesta e gestione del proprio PIN, si invita a fare riferimento alla guida accessibile dalla home page del portale www.inps.it , seguendo il seguente percorso:

1) link “Assistenza” (in alto a sinistra)

2) link “Ottenere e gestire il PIN” (menù di sinistra)

Il Direttore Generale

Gabriella Di Michele

PER TUTTI I TITOLARI DI PENSIONE SVIZZERA

 

La cassa di Svizzera di Compensazione avvisa tutti i pensionati che ricevono pensione dalla Svizzera che a causa della emergenza “CORONA VIRUS” e fino a data che sarà stabilita, non invierà ai pensionati il modello in forma cartacea per certificare l’esistenza in vita. Ma dovranno essere gli stessi pensionati a certificarlo con autodichiarazione unitamente ad un valido documento di identità e rinviare il tutto al seguente indirizzo di posta elettronica:

AVS-42@zas.admin.ch    oppure tramite fax: + 41 58 461 97 05

ALCUNE PROROGHE DA TENERE PRESENTI.

 

Proroga termini di scadenza Disoccupazione agricola 2020

La presentazione delle domande per la disoccupazione agricola relative alle giornate lavorate nell’anno 2019 subiscono una proroga secondo quanto previsto dall’articolo 32 del decreto “cura Italia”. Il termine di presentazione delle domande fissato al 31 marzo è stato, infatti, prorogato al 1° giugno 2020. In particolare, essendo i termini ampliati di poco e considerando che i pagamenti possano avvenire nello stesso anno, non è previsto alcun onere aggiuntivo per la finanza pubblica.

Proroga delle domande di Naspi e DIS-COLL

I commi 1 e 2 dell’art.33 del decreto definiscono una proroga delle domande Naspi e DIS-COLL in via del tutto eccezionale in considerazione dell’emergenza epidemiologica dovuta al Coronavirus.

In particolare il decreto stabilisce che i lavoratori che hanno perso involontariamente il lavoro e che siano in possesso dei requisiti per accedere alla prestazione di disoccupazione Naspi, così come i lavoratori parasubordinati (co.co.co. ecc.) che possono accedere all’indennità DIS-COLL è prevista un’estensione dei termini previsti dalla legge per la presentazione della relativa domanda.

Infatti, coloro che abbiano perso il lavoro tra il 1° gennaio 2020 e il 31 dicembre 2020 possono inviare l’istanza all’INPS entro 128 giorni dalla cessazione involontaria del rapporto di lavoro (rispetto al termine ordinario previsto entro i 68 giorni).

 

Una novità ulteriore è che il lavoratore, pur presentando la domanda dopo il 68esimo giorno ed entro il 128esimo giorno utile, otterrà la disoccupazione a decorrere dal 68esimo. Vale a dire che l’INPS riconoscerà i mesi di disoccupazione e, quindi, l’indennità anche per il periodo intercorrente che va dal 68esimo giorno al giorno di effettivo invio della domanda (comunque da effettuarsi entro e non oltre il 128esimo giorno dalla cessazione del rapporto di lavoro).

LA CONSULTA NAZIONALE DEI CAF POSTICIPA L’AVVIO DEL 730/2020 AL 6 APRILE PROSSIMO.

 

Con una nota a tutti i CAF associati la Consulta Nazionale dei CAF, chiede ai soci di posticipare l’avvio della campagna 730/20 almeno al 6 aprile 2020.

 

“La situazione emergenziale che stiamo vivendo- scrive in una nota- impone un atto di grande responsabilità anche da parte dei CAF, per il ruolo e la funzione che svolgono e la capillarità della loro presenza sul territorio che li pone a contatto con milioni di persone.

Per queste ragioni, dopo aver raccolto le adesioni della grande maggioranza dei propri soci, ha deciso di non svolgere l’attività 730/2020 almeno fino al 3 aprile 2020, rinviando l’avvio della campagna almeno al prossimo 6 aprile”

 

In linea con questa decisione la sede CAF MCL di L’Aquila comunica che si atterrà a questa direttiva e comunica che per maggiori informazioni appuntamenti o urgenze nel frattempo è possibile telefonare al seguente n. 3331137520